Quanto dura il riposo vocale post chirurgia?

August 27, 2017

Il riposo vocale è comunemente raccomandato dopo la fonochirurgia per prevenire un danno alle corde vocali. Tuttavia, la durata più efficace del riposo vocale non è nota. Recentemente, la stimolazione vocale precoce è stata raccomandata come mezzo per migliorare la guarigione delle ferite.

Un recente studio randomizzato controllato, dal titolo "Optimal Duration for Voice Rest After Vocal Fold Surgery: Randomized Controlled Clinical Study" pubblicato nel 2017 sul Journal of Voice e condotto da Kaneko M, et al. si esamina la durata ottimale del riposo vocale dopo fonochirurgia.

 

 

 

La cicatrizzazione vocale può verificarsi dopo lesioni, infiammazioni o interventi chirurgici. Le cicatrici vocali portano alla rottura della struttura stratificata della lamina propria. Una volta che la corda vocale è scarificata, può verificarsi una grave disfonia. Sebbene siano state valutate molte strategie terapeutiche per la cicatrizzazione vocale, un trattamento coerente deve ancora essere sviluppato. Pertanto, la prevenzione delle cicatrici è un importante obiettivo terapeutico. Il riposo vocale è comunemente raccomandato dopo la chirurgia cordale per prevenire un peggioramento della lesione e delle cicatrici. Se il riposo vocale effettivamente conduca ad una migliore guarigione della ferita chirurgica, a livello cordale, tuttavia, è sconosciuto. Le recenti revisioni della letteratura (Behrman A.) hanno dimostrato l'assenza di un protocollo standard stabilito per il riposo vocale e il tipo e la durata del riposo vocale prescritto varia tra i medici.

Cho et al. hanno valutato l'effetto del riposo vocale dopo la chirurgia delle corde vocali, in un modello canino. L'escissione bilaterale della mucosa cordale è stata seguita da un simulato "riposo vocale" indotto dalla resezione del nervo laringeo ricorrente sinistro. Cho et al ha concluso che il riposo vocale arresta il processo di reepithelialization suggerendo 2 settimane di riposo vocale e 8 settimane di igiene vocale dopo fono-chirurgia. Un'Accademia americana di Otorinolaringoiatria indica che la maggior parte dei chirurghi raccomanda 7 giorni di riposo vocale, ma mancano prove che supportano questa durata. Koufman e Blalock hanno eseguito una revisione retrospettiva dei pazienti sottoposti a chirurgia microlaringea. Hanno concluso che non esistevano protocolli standard per la durata o il tipo di riposo vocale raccomandati dai chirurghi. Tipicamente i periodi di riposo vocale non sono basati sui meccanismi del processo di guarigione della ferita. Inoltre, ci sono stati pochi studi prospettici clinici randomizzati che abbiano confrontato le durate del riposo vocale basate sul processo di guarigione della ferita. Ad oggi, non esistono protocolli definiti o durate prestabilite di terapia vocale.  Inoltre, Rousseau ed altri hanno descritto una relativamente bassa "completa compliance" del 35%, tra i pazienti cui è stato prescritto il riposo vocale. L'effetto del riposo rispetto all'esercizio fisico è stato un argomento controverso nella ricerca in ambito riabilitativo ortopedico per più di un secolo. Tuttavia, la rimobilizzazione controllata durante le prime fasi della guarigione porta ad un recupero funzionale favorevole.L'immobilizzazione a lungo termine è anche considerata dannosa ai fini del recupero; Pertanto, non è generalmente raccomandato nella riabilitazione ortopedica.Tali risultati dipendono in gran parte dal grado di guarigione del tessuto connettivo.

Il processo generale di guarigione delle ferite è suddiviso in tre fasi: infiammazione, proliferazione e maturazione. La fase infiammatoria consiste nei 3 giorni dopo il donna, durante il quale si verificano emostasi e risposte infiammatorie.

La fase proliferativa si estende dal giorno 3 al 1 mese dopo l'infortunio durante il quale si verifica l'angiogenesi e l'epitelizzazione. I fibroblasti migrano nella zona della ferita tra 48 e 72 ore dopo la lesione e svolgono un ruolo importante producendo grandi quantità di matrice extracellulare compresi collagene, elastina, proteoglicano e glicosaminoglicano. La fase di maturazione dura una o più anni durante la quale si verifica il rimodellamento della ferita. Kishimoto et al. hanno studiato il processo di maturazione clinica delle corde vocali umane scarificate da una codectomia di tipo I-III e hanno riferito che la funzione vibratoria sembrava stabilizzarsi circa 6 mesi dopo la procedura. Le specie reattive di ossigeno (ROS) sono un altro fattore importante che determina l'esito della guarigione delle ferite.

Alcuni studi hanno dimostrato che la ROS ha un ruolo positivo nel processo di guarigione come difesa contro  microorganismi o mediatori intracellulari.  La sovraesposizione ai ROS è dannosa per la guarigione delle ferite. Il giusto equilibrio tra forze ossidative e antiossidanti è necessario per una migliore guarigione delle ferite. Mizuta e al hanno suggerito che una grande quantità di ROS sia prodotta durante la fase iniziale della guarigione della ferita a livello della corda vocale, fino al terzo giorno successivo all'intervento e che questo periodo può essere cruciale per regolare i livelli di ROS. Pertanto, il riposo post intervento dovrebbe essere richiesto per un determinato periodo, in particolare durante la fase infiammatoria, per evitare danni tissutali aggiuntivi causati dai ROS. Ma non è noto se dovremmo richiedere il riposo vocale  oltre il 4 giorno del post intervento. Inoltre, l'effetto della mobilizzazione precoce sul tessuto  vocale non è noto.  I dati empirici da studi clinici ben progettati sono una componente essenziale della medicina basata sulle evidenze . Questi dati sono necessari per conoscere l'uso comune del riposo vocale postoperatorio. Sulla base delle prospettive di base e cliniche di cui sopra, gli studiosi hanno ipotizzato che il riposo vocale dovrebbe essere necessario durante la fase infiammatoria (3 giorni) ma l'inizio precoce della stimolazione fonatoria può portare ad una migliore guarigione delle ferite. Qual'è quindi la durata ottimale del riposo vocale e l'effetto dell'inizio della terapia vocale sulla guarigione della ferita?

Sono stati scelti i pazienti sottoposti a foniachirurgia per leucoplaia, carcinoma in situ, polipo cordale, l'edema di Reinke e la cisti. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al riposo vocale per 3 o 7 giorni postoperatori. La terapia vocale è stata somministrata a entrambi i gruppi dopo il riposo vocale. La qualità vocale è stata valutata mediante la scala GIRBAS, sono stati eseguiti, inoltre, un esame stroboscopico, valutazione aerodinamica, analisi acustica e Voice-Handicap Index-10 (VHI-10),somministrati pre- e postoperativamente a 1, 3 e 6 mesi.

L'esame stroboscopico ha valutato l'ampiezza dell' onda mucosa (NMWA). I parametri sono stati confrontati tra i due gruppi.

Sono stati analizzati trentuno pazienti (gruppo di 3 giorni, n = 16, gruppo di 7 giorni, n = 15). Jitter, shimmer e VHI-10 sono stati significativamente migliori nel gruppo di 3 giorni a 1 mese dopo l'operazione. Il GRBAS era significativamente migliore nel gruppo di 3 giorni a 1 e 3 mesi dopo l'operazione, e NMWA era significativamente migliore nel gruppo di 3 giorni a 1, 3 e 6 mesi dopo l'operazione rispetto al gruppo di 7 giorni.

 

 

 

Mami Kaneko et al. Optimal Duration for Voice Rest After Vocal Fold Surgery

 

Il riposo vocale per 3 giorni con inizio precoce della terapia vocale ha portato a una migliore recupero fonatorio, rispetto a 7 giorni di riposo vocale.

Ciò suggerisce che il precoce inizio della terapia vocale con una appropriata stimolazione meccanica può migliorare la guarigione.  Così, per i pazienti dopo la fonochirurgia, si possono raccomandare 3 giorni di riposo vocale seguiti da un'adeguata stimolazione vocale logopedica.

 

 

Tratto da: Optimal Duration for Voice Rest After Vocal Fold Surgery: Randomized Controlled Clinical Study Kaneko, Mami et al. Journal of Voice , Volume 31 , Issue 1 , 97 - 103

 

Bibliografia

 

Rousseau, B., Hirano, S., Scheidt, T.D. et al. Characterization of vocal fold scarring in a canine model.Laryngoscope. 2003; 113: 620–627

 

Mizuta, M., Hirano, S., Hiwatashi, N. et al. Effect of astaxanthin on vocal fold wound healing.Laryngoscope. 2014; 124: E1–E7

 

Koufman, J.A. and Blalock, P.D. Is voice rest never indicated?. J Voice. 1989; 3: 87–91

 

Behrman, A. and Sulica, L. Voice rest after microlaryngoscopy: current opinion and practice.Laryngoscope. 2003; 113: 2182–2186

 

Branski, R.C., Verdolini, K., Sandulache, V. et al. Vocal fold wound healing: a review for clinicians. J Voice. 2006; 20: 432–442

 

Cho, S.H., Kim, H.T., Lee, I.J. et al. Influence of phonation on basement membrane zone recovery after phonomicrosurgery: a canine model. Ann Otol Rhinol Laryngol. 2000; 109: 658–666

 

Kishimoto, Y., Hirano, S., Tateya, I. et al. Temporal changes in vocal functions of human scarred vocal folds after cordectomy. Laryngoscope. 2010; 120: 1597–1601

 

Roy, S., Khanna, S., Nallu, K. et al. Dermal wound healing is subject to redox control. Mol Ther. 2006; 13: 211–220

 

Hirano, S., Bless, D.M., Nagai, H. et al. Growth factor therapy for vocal fold scarring in a canine model. Ann Otol Rhinol Laryngol. 2004; 113: 777–785

 

Kaneko, M., Hirano, S., Tateya, I. et al. Multidimensional analysis on the effect of vocal function exercises on aged vocal fold atrophy. J Voice. 2015; 29: 638–644

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

August 13, 2018

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag