Efficacia della terapia miofunzionale orofacciale nei pazienti ortodontici: una revisione sistematica

January 15, 2018


Le tecniche ed i principi della terapia miofunzionale orofacciale (OMT) possono essere utilizzati da soli o in combinazione con altre forme di terapia. In combinazione con l'ortodonzia, l'OMT è stato segnalata essere efficace nel trattamento delle patologie miofunzionali. Secondo una serie di studi, questa combinazione porta a miglioramenti nella capacità miofunzionale, consente una crescita e uno sviluppo soddisfacenti della mascella e aiuta nell'adattamento della dentatura al nuovo modello occlusale.

Tuttavia, un'analisi critica della letteratura rivela che la maggior parte degli studi su questo argomento ha notevoli differenze metodologiche, campioni eterogenei e una mancanza di rappresentatività. Tali limitazioni hanno portato a risultati divergenti e compromettono la qualità delle evidenze, ostacolando in tal modo l'interpretazione e l'applicazione clinica dei risultati. L'OMT comporta generalmente l'esercizio dei muscoli facciali e cervicali per migliorare la propriocezione, il tono e la mobilità. Gli obiettivi principali sono il trattamento dei disturbi del sistema stomatognatico, come anomalie orofacciali, modello respiratorio, incompetenza delle labbra, spinta della lingua abitudine, deviazione mandibolare e schemi articolari impropri durante la parola; masticazione e deglutizione, nonché assistenza nella correzione di abitudini orali parafunzionali, come succhiamento del pollice e bruxismo. In alcuni casi, l'OMT può anche aiutare a migliorare la postura del corpo, contribuendo così alla salute generale. Poiché i disturbi orofacciali aumentano il grado di difficoltà del trattamento ortodontico e contribuiscono alla ricaduta delle anomalie dentofacciali, l' OMT può essere favorevole al trattamento ortodontico. Anche se la letteratura riporta che la combinazione di queste terapie è fondamentale per ottenere un risultato soddisfacente nel trattamento ortodontico, non sono state condotte revisioni sistematiche per indagare se questa combinazione è realmente in grado di ottenere risultati migliori riguardo ai disturbi dentofacciali in individui con anomalie orofacciali.

SCOPO

Lo scopo della presente revisione sistematica era di determinare prove scientifiche che confermassero l'efficacia dell'OMT come complemento del trattamento ortodontico in individui con disturbi orofacciali. Un ulteriore obiettivo era valutare la qualità metodologica degli studi inclusi nella revisione.

METODI

Una ricerca elettronica è stata eseguita in otto database (Medline, BBO, LILACS, Web of Science, EMBASE, BIREME, Cochrane Library e SciELO) per articoli pubblicati tra gennaio 1965 e marzo 2011, senza restrizioni di lingua. La selezione di articoli e l'estrazione dei dati sono stati eseguiti da due ricercatori indipendenti. È stata anche valutata la qualità degli articoli selezionati.

RISULTATI

La strategia di ricerca ha portato al reperimento di 355 pubblicazioni, solo quattro delle quali soddisfacevano i criteri di ammissibilità e si sono qualificate per l'analisi finale. Tutti i documenti selezionati presentavano un alto rischio di parzialità.

I  risultati della presente revisione sistematica dimostrano la scarsità di studi coerenti e prove scientifiche a supporto dell'uso dell'OMT in combinazione con il trattamento ortodontico per ottenere risultati migliori nella correzione dei disturbi dentofacciali in individui con anomalie orofacciali.

Sono necessari studi con un elevato standard di qualità e una migliore progettazione dello studio per stabilire forti prove scientifiche che supportino l'indicazione di questa forma di terapia combinata.

Fonte:  Márcio Alexandre Homem,1 Raquel Gonçalves Vieira-Andrade, et al. Dental Press J Orthod. 2014 Jul-Aug; 19(4): 94–99.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

August 13, 2018

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag