Trattamento motorio orale non verbale per bambini con disturbi dello sviluppo del linguaggio

January 15, 2018

 

 

 

I bambini con disturbi dello sviluppo del linguaggio hanno difficoltà a produrre i suoni appartenenti alla loro lingua madre. Queste difficoltà linguistiche potrebbero essere dovute a cause strutturali, sensoriali o neurofisiologiche (per esempio disturbi dell'udito), ma più spesso la causa del problema è sconosciuta. Un approccio terapeutico utilizzato dai logopedisti è il trattamento motorio orale non verbale (non-speech oral motor treatment :NSOMT). Il trattamento motorio orale non verbale consiste di attività non verbali che mirano a stimolare o migliorare la produzione del parlato e trattare specifici errori di linguaggio. Ad esempio, usando esercizi come sorridere, soffiare, fare delle  bolle, massaggiare le labbra, migliorare la mobilità delle labbra per la produzione di suoni prodotti grazie al loro movimento  come i suoni / p /, / b /, e / m /. L'efficacia di questo approccio terapeutico è controversa e occorre esaminare le prove relative all'efficacia del NSOMT.

 

OBIETTIVI:

Valutare l'efficacia del trattamento motorio orale non verbale (NSOMT) nel trattamento di bambini con disturbi dello sviluppo del linguaggio che presentano errori di pronuncia.

 

METODI DI RICERCA:

Nell'aprile 2014 sono stati consultati il Registro Cochrane Central of Controlled Trials (CENTRAL), Ovid MEDLINE (R) e Ovid MEDLINE In-Process e altre citazioni non indicizzate, EMBASE, Education Information Center (ERIC), PsycINFO e 11 altri database. Gli autori hanno ricercato tra cinque registri di trials e ricerche, controllato le liste di riferimento dei titoli rilevanti identificati dalla ricerca e contattato i ricercatori per identificare altri possibili studi pubblicati e non pubblicati.

 

CRITERI DI SELEZIONE:

Studi controllati randomizzati e quasi randomizzati che hanno confrontato (1) NSOMT rispetto a placebo o controllo; e (2) NSOMT come trattamento aggiuntivo o intervento vocale rispetto all'intervento vocale da solo, per bambini dai 3 ai 16 anni con disturbi dello sviluppo del linguaggio, valutato da un logopedista. Non sono stati esclusi individui con disabilità intellettiva (ad es. Sindrome di Down) o disabilità fisica.

 

RACCOLTA DATI E ANALISI:

Il coordinatore delle ricerche di Trial del gruppo Cochrane Developmental, Psychosocial and Learning e un autore di recensioni hanno eseguito le ricerche. Due revisori hanno esaminato in modo indipendente titoli e abstract per eliminare studi irrilevanti, estratto i dati dagli studi inclusi e valutato il rischio di bias in ciascuno di questi studi. In caso di ambiguità o di informazioni mancanti dal documento, sono stati contattati gli autori del trial.

 

RISULTATI PRINCIPALI:

Questa revisione ha identificato tre studi che coinvolgono un totale di 22 bambini e hanno studiato l'efficacia del trattamento motorio orale non verbale NSOMT come trattamento aggiuntivo all'intervento del linguaggio convenzionale, rispetto all'intervento del linguaggio convenzionale, per i bambini con disturbi del linguaggio. Uno studio randomizzato controllato (RCT), comprendeva quattro ragazzi di età compresa tra sette anni da un mese a nove anni e sei mesi - tutti presentavano disturbi del linguaggio e due avevano condizioni aggiuntive (uno era diagnosticato come "ipovedente" e l'altro come " disabilità multipla "). Dei due studi controllati, quasi randomizzati, uno comprendeva 10 bambini (sei maschi e quattro femmine), di età compresa tra cinque anni, otto mesi e sei, nove mesi, con disturbi del linguaggio dovuti alla spinta della lingua, e l'altro studio comprendeva otto bambini (quattro ragazzi e quattro ragazze), di età compresa tra tre e sei anni, con solo disturbo articolatorio da moderato a grave. Due studi non hanno trovato NSOMT come trattamento aggiuntivo più efficace del convenzionale intervento del linguaggio da solo, poiché sia ​​i gruppi di intervento che quelli di controllo, hanno apportato miglioramenti simili nell'articolazione dopo aver ricevuto i trattamenti. Uno studio ha riportato un cambiamento nei risultati dei test di articolazione post-intervento, ma ha utilizzato un test statistico inappropriato e non ha riportato chiaramente i risultati. Nessuno degli studi inclusi ha esaminato gli effetti degli NSOMT su qualsiasi altro outcome primario, come l'intelligibilità del parlato, la fisiologia del linguaggio e gli effetti avversi, o su uno qualsiasi degli esiti secondari come l'accettabilità dell'ascoltatore. L'RCT è stato giudicato a basso rischio di bias di selezione. I due studi quasi randomizzati hanno utilizzato la randomizzazione ma non hanno riportato il metodo per generare la sequenza casuale e sono stati giudicati come aventi un rischio non chiaro di bias di selezione. I tre studi inclusi erano ritenuti ad alto rischio di pregiudizi prestazionali poiché, data la natura dell'intervento, non era possibile il trattamento in cieco dei partecipanti. Solo uno studio ha implementato il cieco della valutazione del risultato ed era a basso rischio di bias di rilevamento. Uno studio ha mostrato un alto rischio di altri pregiudizi in quanto le caratteristiche di base dei partecipanti sembravano essere ineguali. La dimensione del campione di ciascuno degli studi inclusi era molto piccola, il che significa che è altamente probabile che i partecipanti a questi studi non fossero rappresentativi della popolazione target. Alla luce di questi gravi limiti nella metodologia, la qualità complessiva delle prove fornite dalle prove incluse è giudicata bassa. Pertanto, un'ulteriore ricerca molto probabilmente avrà un impatto importante nella stima dell'effetto del trattamento.

 

CONCLUSIONI DEGLI AUTORI:

I tre studi inclusi erano di piccola scala e presentavano una serie di gravi limiti metodologici. Inoltre, coprivano un numero limitato di NSOMT per il trattamento di bambini con disturbi del parlato di origine sconosciuta con i suoni / s / e / z /. Quindi l'applicabilità generale delle prove è stata giudicata come limitata e incompleta. I risultati di questa revisione sono coerenti con quelli delle precedenti revisioni: attualmente nessuna prova evidente suggerisce che gli NSOMT siano un trattamento efficace o un trattamento aggiuntivo efficace per i bambini con disturbi dello sviluppo del linguaggio. La mancanza di prove evidenti sull'efficacia del trattamento NSOMT ha implicazioni per i medici quando prendono decisioni in relazione ai piani di trattamento. È necessaria una ricerca ben progettata per studiare attentamente i NSOMT come un tipo di trattamento per i bambini con disturbi del linguaggio.

 

Cochrane Database Syst Rev. 2015 Mar 25;(3):CD009383. doi: 10.1002/14651858.CD009383.pub2.

Lee AS1, Gibbon FE.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

August 13, 2018

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag