Validità e affidabilità della valutazione logopedica della funzione linguale

August 3, 2018

 

Questo studio ha esaminato la validità e l'affidabilità di valutazioni logopediche della funzione della lingua.

Tra i molti tipi di discinesia orofacciale, le disfunzioni linguali rappresentano una sfida per molti ortodontisti. Infatti la deglutizione viscerale persistente può minacciare il successo del trattamento ortodontico. Pertanto, prima del trattamento delle malocclusioni, è importante determinare esattamente quale sia la posizione della lingua a riposo e durante la deglutizione al fine di identificare e trattare la disfunzione linguale precocemente.

Come parte della terapia miofunzionale, la lingua può essere "rieducata", il che significa che è possibile creare una motilità ottimale della lingua. Tuttavia, prima di iniziare questa terapia, è necessario diagnosticare in modo affidabile la funzione della lingua. La valutazione logopedica della disfunzione della lingua descritta da Kittel, è spesso utilizzata da specialisti foniatrici, logopedisti, e ortodontisti ed è una procedura riconosciuta per caratterizzare la posizione della lingua in Germania. In questo contesto, Klocke et al. sottolineano l'importanza di un'approccio interdisciplinare. Korbmacher & Kahl-Nieke hanno pubblicato uno studio sulla collaborazione tra logopedisti e ortodontisti, in cui riportano che l'86% dei logopedisti considera scarsa la qualità della collaborazione interdisciplinare con gli ortodontisti.

Felício & Pimenta Ferreira (2007) hanno osservato che in letteratura non è stato riportato alcun strumento validato per la valutazione miofunzionale dei bambini.

Ciò rende difficile per gli esaminatori esprimere la propria percezione in un modo valido e riproducibile. L'affidabilità intra ed interesaminatore per la valutazione delle funzionalità miofunzionale orofacciale non è stata ancora sufficientemente studiata. McCullough et al. ha sottolineato che, senza questa analisi, l'utilità delle misurazioni cliniche deve essere messa in discussione. Pertanto, questo studio ha lo scopo di esaminare la riproducibilità e, a sua volta, la validità e l'affidabilità delle valutazioni logopediche relative alla funzionalità linguale.

 

Materiali e metodi

La diagnosi di disfunzione linguale secondo Kittel (1998) è stata effettuata da tre logopedisti esperti in terapia miofunzionale su un campione di 52 soggetti divisi in due gruppi. L'età media dei soggetti era di 29 anni (range: 5-63 anni) e non erano in terapia ortodontica o miofunzionale al momento dell'indagine. Allineamento dei denti e occlusione non sono stati presi in considerazione per la selezione dei soggetti.

Per il gruppo A (23 soggetti) sono stati effettuati tre cicli di test al giorno per soggetto a intervalli non superiori a 30 minuti, per cui il logopedista ha compilato ogni volta un nuovo foglio di valutazione. C'era solo un logopedista nella stanza durante i test. È stato stabilito un protocollo standard per tutti e tre i logopedisti prima del test.

 

Per il gruppo B il giorno dell'esame, ciascun logopedista ha valutato il livello miofunzionale di ciascuno dei 19 soggetti.

L'esame miofunzionale è stato eseguito secondo Kittel (1998), per cui sono stati valutati quattro dei sei criteri distintivi secondo Kittel. L'obiettivo dell'esame era valutare la lingua nella sua relazione con gli incisivi e il palato, poiché può essere frequentemente osservato il legame tra questa relazione e le tipologie di malocclusione. Quindi, due ulteriori criteri secondo Kittel, che valutano la relazione della lingua con i denti laterali, non hanno bisogno di essere presi in considerazione. La figura 1 mostra un esempio di posizioni di riposo della lingua non fisiologiche che possono essere chiaramente riconosciute. Tuttavia, durante il esame miofunzionale la diagnosi non è sempre così scontata.

Inoltre, è stato distinto  tra posizione di riposo della lingua (corretta e scorretta) e tra il modello corretto (somatico) e scorretto (viscerale) di deglutizione. Tuttavia, l'esame miofunzionale mirava anche a identificare le disfunzioni meno evidenti della lingua. Si intende che un modello di deglutizione viscerale non è solo il movimento puramente interdentale della lingua come un modello persistente di deglutizione infantile. Piuttosto i movimenti della lingua contro gli incisivi superiore e inferiore, che sono spesso descritti come non fisiologici nella letteratura tedesca, sono stati valutati come deglutizione viscerale

 

 

La posizione di riposo della lingua è stata determinata con il soggetto a bocca chiusa e che riferisce la posizione percepita della lingua. La posizione di riposo è stata quindi nuovamente valutata con le labbra del soggetto aperte,  e il risultato è stato successivamente annotato sul foglio di valutazione. E' stato quindi valutato il processo di deglutizione. Per l'esame sono stati utilizzati i retrattori labiali per accedere alle varie posizioni della lingua con visualizzazione diretta.

In questo contesto, Voss (2007) ha descritto che nell'esame della posizione di riposo della lingua secondo Kittel, i retrattori della labbro potrebbero essere utilizzati per visualizzare l'intero vestibolo della bocca e, a sua volta, consentire di rilevare un riposizionamento della lingua anormale. L'attenzione è stata anche posta su ulteriori elementi tra cui la tensione della muscolatura oro-facciale e la chiusura insufficiente delle labbra, che sono legati alla disfunzione della lingua. Ai soggetti è stato detto di bere dell'acqua prima dell'esame per evitare una posizione distorta della lingua dovuta alla secchezza della bocca.

Discussione

L'ortodonzia orientata alla prevenzione richiede una diagnosi precoce dei fattori che hanno un impatto negativo sulla crescita craniofacciale e sullo sviluppo della dentizione. Ciò include la disfunzione della lingua, che costituisce un importante fattore d'impatto per vari tipi di malocclusione . Sebbene numerosi concetti di terapia miofunzionale siano stati sviluppati sulla base del concetto di Roux di adattamento funzionale, nessuna forma specifica di terapia è stata ancora riconosciuta scientificamente.

Poiché diversi fattori causali devono essere osservati simultaneamente, è difficile dimostrare scientificamente se

alcune strategie di trattamento sono efficaci.

conclusioni

1) La procedura di diagnosi della funzione della lingua secondo Kittel ha prodotto diversi valori di affidabilità.

L'affidabilità intraoperatore era molto buona nella pratica A.

2) L'accordo incostante tra le valutazioni logopediche non consente una valutazione definitiva sulla

situazione clinica reale.

3) Questo può essere attribuito alla variabilità intraindividuale della posizione della lingua e della motilità della lingua, che può anche essere influenzata dalle condizioni dell'esame.

4) Inoltre, la diagnosi è influenzata dalla soggettività della valutazione dell'esaminatore, che deve valutare la posizione della lingua dietro i denti.

5) Anche se in Germania, la diagnosi di disfunzione della lingua secondo Kittel è una procedura riconosciuta, la validità e l'affidabilità della valutazione usando questo metodo da logopedisti esperti non è convincente in tutti i casi.

6) A causa della mancanza di metodi diagnostici standardizzati e basati su prove, questo studio mostra che non è chiaro se il paziente, che viene frequentemente inviato al logopedista dall'ortodontista, riceve una diagnosi affidabile.

7) Ulteriori studi dovrebbero studiare la questione della validità e dell'affidabilità di questo e di altri metodi di diagnosi della disfunzione della lingua.

 

Tradotto da: 

Validity and Reliability of Logopedic Assessments of Tongue Function

Mehnert J, Landau H, Orawa H, Kittel A, Krause M, Engel S, Jost-Brinkmann PG, Müller-Hartwich R.

J Orofac Orthop. 2009 Nov;70(6):468-84. doi: 10.1007/s00056-009-0906-y. Epub 2009 Dec 4.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

August 13, 2018

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag