Malattia da Reflusso Gastro Esofageo MRGE

August 8, 2018

 

 

La malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) è una malattia che interessa l’apparato gastroenterico causata da un movimento retrogrado del contenuto gastrico, tra cui la pepsina, bile ed enzimi pancreatici, dovuto ad una diminuzione del tono dello sfintere esofageo inferiore (noto anche come cardias). Questo ritorno (reflusso acido) può causare un'irritazione dell'epitelio di rivestimento esofageo.
Molte persone soffrono di reflusso occasionale. La MRGE è un reflusso acido lieve che si verifica almeno due volte a settimana o un reflusso acido da moderato a grave che si verifica almeno una volta alla settimana.

La maggior parte delle persone può gestire i sintomi causati dal GERD con cambiamenti dello stile di vita e farmaci da banco. Ma altre, potrebbero aver bisogno di farmaci più forti o di un intervento medico specialistico per alleviare i sintomi.
I segni e i sintomi comuni di GERD includono:

Sintomi

  • Sensazione di bruciore al petto (bruciore di stomaco), di solito dopo aver mangiato, che potrebbe essere peggiore durante la notte

  • Dolore al petto

  • Difficoltà a deglutire

  • Rigurgito di cibo o liquido acido

  • Sensazione di un nodo in gola                                                                                                     Se hai reflusso acido notturno, potresti anche sperimentare:

  • Tosse cronica

  • Laringite

  • Nuovo o peggioramento dell'asma

  • Interruzione del sonno


Quando consultare un medico:
-Chiedere assistenza medica immediata in caso di dolore toracico, soprattutto se si avverte anche mancanza di respiro, o dolore alla mascella o alle braccia. Questi potrebbero essere segni e sintomi di un infarto cardiaco
-Puoi programmare una visita specialistica se:
Hai sintomi da GERD gravi o ricorrenti
Assumi farmaci da banco per il bruciore di stomaco più di due volte a settimana


Le cause
Il GERD è causato da frequenti reflussi acidi. Quando deglutisci, una fascia circolare di muscoli intorno al fondo dell'esofago (sfintere esofageo inferiore) si rilassa per consentire al cibo e al liquido di fluire nello stomaco. Quindi lo sfintere si chiude di nuovo. Se lo sfintere si rilassa in modo anomalo o si indebolisce, l'acido dello stomaco può risalire nell'esofago. Questo costante reflusso di acido irrita il rivestimento del tuo esofago,

 causandone spesso l'infiammazione.

 
Incidenza

I sintomi della MRGE interessano fino al 20% della popolazione occidentale [Dent J, 2005]. La prevalenza di questa patologia sembra essere in aumento [Delaney aC, 2004; Fujimoto K, 2004; Goh K, 2004; Graham DY, 2003; Shaheen N, 2003] con conseguenze in termini di oneri finanziari crescenti per i sistemi sanitari [Dent J, 2005]. Non sono disponibili dati sull'incidenza e la prevalenza di MRGE in Italia. Secondo la banca dati SDO del Ministero della Salute, nel 2009 (ultimo anno disponibile) il numero di ricoveri (ordinari e di day-hospital), per “reflusso gastro-esofageo” (ICD-9-CM 530.81; diagnosi primaria e secondaria) era pari a 20.549. Tuttavia il 32% dei ricoveri ha riguardato pazienti di età inferiore ai 15 anni.

 

Fattori di rischio
Le condizioni che possono aumentare il rischio di GERD includono:

  • Obesità

  • Rigonfiamento della parte superiore dello stomaco fino al diaframma (ernia iatale)

  • Gravidanza

  • Patologie del tessuto connettivo, come la sclerodermia

  • Ritardo nello svuotamento dello stomaco

I fattori che possono aggravare il reflusso acido includono:

  • Tabagimo

  • Consumare pasti abbondanti o  a tarda notte

  • Mangiare determinati cibi (trigger) come cibi grassi o fritti

  • Bere alcune bevande, come alcol o caffè

  • Assumere alcuni farmaci, come l'aspirina

Complicazioni
Nel tempo, l'infiammazione cronica nell'esofago può causare:
Restringimento dell'esofago (stenosi esofagea). Infatti il danno cronico nella porzione inferiore dell'esofago, causata dall'acido dello stomaco, provoca la formazione di tessuto cicatriziale. Il tessuto cicatriziale restringe il canale alimentare, portando a problemi di deglutizione.
Ulcera esofagea: L'acido dello stomaco può logorare il tessuto dell'esofago, provocando la formazione di una ferita aperta. Un'ulcera esofagea può sanguinare, causare dolore e rendere difficile la deglutizione.
Alterazioni precancerose dell'esofago (esofago di Barrett). Il danno da acido può causare cambiamenti nel rivestimento del tessuto dell'esofago inferiore. Questi cambiamenti sono associati ad un aumentato del rischio di cancro esofageo. 

 

Diagnosi

 Il medico potrebbe essere in grado di diagnosticare il GERD sulla base di un esame fisico e della storia dei segni e dei sintomi. Per confermare una diagnosi di GERD o per verificare eventuali complicazioni, il medico potrebbe raccomandare:

-Endoscopia delle vie superiori Il medico inserisce una cannula sottile e flessibile dotata di luce e fotocamera (endoscopio) in gola, per esaminare l'interno dell'esofago e dello stomaco. I risultati del test possono spesso essere normali quando è presente reflusso, ma un'endoscopia può rilevare l'infiammazione dell'esofago (esofagite) o altre complicanze. Un'endoscopia può anche essere utilizzata per raccogliere un campione di tessuto (biopsia) da testare per valutare la presenza di complicanze come l'esofago di Barrett.

-Phmetria Un sensore, posto nell'esofago identifica quando e per quanto tempo l'acido dello stomaco rigurgita. Il sensore si collega a un piccolo computer che si indossa intorno alla vita o con un cinturino sulla spalla. Il sensore potrebbe essere un tubo sottile e flessibile (catetere) che viene inserito nel naso nell'esofago o una clip inserita nell'esofago durante un'endoscopia e che viene trasferita nelle feci dopo circa due giorni.

- Manometria esofagea. Questo test misura le contrazioni muscolari ritmiche nell'esofago quando deglutisci. La manometria esofagea misura anche la coordinazione e la forza esercitata dai muscoli del tuo esofago.

-Radiografia dell' apparato digerente superiore. I raggi X sono presi dopo aver bevuto un liquido denso contrastato con il bario, che ricopre e riempie il rivestimento interno del tratto digestivo. Il rivestimento consente al medico di vedere la sagoma dell'esofago, dello stomaco e dell'intestino superiore. Potrebbe anche essere richiesto di ingoiare una pillola di bario che può aiutare a diagnosticare un restringimento dell'esofago che potrebbe interferire con la deglutizione.

 

Trattamento

 

È probabile che il medico consigli di apportare in prima istanza, delle modifiche allo stile di vita e prescriva una terapia farmacologica. Se non si avverte sollievo entro poche settimane, il medico potrebbe modificare la terapia farmacologica e in alcuni casi suggerire un approccio chirurgico.
Farmaci da banco

- Antiacidi che neutralizzano l'acidità di stomaco. Gli antiacidi possono fornire un rapido sollievo. Ma gli antiacidi da soli non guariscono un esofago infiammato e danneggiato dall'acidità dello stomaco. L'uso eccessivo di alcuni antiacidi può causare effetti collaterali, come diarrea o a volte problemi renali.

-Farmaci per ridurre la produzione di acido. Questi farmaci noti come gli H-2 - bloccanti comprendono cimetidina , famotidina , nizatidina e ranitidina. Questi farmaci sono generalmente ben tollerati, ma l'uso a lungo termine può essere associato ad un leggero aumento del rischio di carenza di vitamina B-12 e fratture ossee.Gli H-2- bloccanti non agiscono così rapidamente come gli antiacidi, ma forniscono un sollievo più lungo e possono ridurre la produzione di acido dallo stomaco fino a 12 ore.

-Versioni più forti sono disponibili su prescrizione come i farmaci che bloccano la produzione di acido. Questi farmaci, noti come inibitori della pompa protonica, sono più potenti rispetto agli antagonisti dei recettori H-2 e consentono di guarire il tessuto esofageo danneggiato. Gli inibitori da pompa protonica da banco comprendono lansoprazolo  e omeprazolo, pantoprazolo, rabeprazolo e dexlansoprazolo . Sebbene generalmente ben tollerati, questi farmaci possono causare diarrea, mal di testa, nausea e carenza di vitamina B-12. L'uso cronico potrebbe aumentare il rischio di frattura dell'anca.

-Farmaco per rafforzare lo sfintere esofageo inferiore. Baclofen può migliorare i sintomi da GERD diminuendo la frequenza di rilasasmento dello sfintere esofageo inferiore. Gli effetti collaterali potrebbero includere affaticamento o nausea.

 

Chirurgia e altre procedure

Il GERD di solito può essere controllato con farmaci. Ma se i farmaci non aiutano, se si sviluppano complicanze gravi, o se si desidera evitare l'uso di farmaci per lunghi periodi  è possibile che il medico potrebbe raccomandi un trattamento chirurgico. La fundoplicazione di Belsey e di Nissen e la gastropessia posteriore di Hill sono le procedure più utilizzate. Si pensa che abbiano successo nell’85% dei casi, ma i sintomi tendono a recidivare in circa il 10% dei pazienti. Si stima che la percentuale della morbilità sia compresa tra il 2 e l’8%, mentre la mortalità è di circa l’1%. Le complicanze chirurgiche più frequenti sono la disfagia e l’impossibilità di eruttare o vomitare. Sempre più frequentemente, la fundoplicazione secondo Nissen viene eseguita con tecnica laparoscopica, in modo da ridurre la morbilità precoce e la durata della degenza in ospedale. Il chirurgo avvolge la parte superiore dello stomaco intorno allo sfintere esofageo inferiore, per stringere i muscoli e prevenire il reflusso. La fundoplicazione viene solitamente eseguita con una procedura mini-invasiva (laparoscopica). 

Il dispositivo LINX consiste in una serie di sfere in titanio aventi un nucleo magnetico all'interno. Le sfere sono interconnesse con cavi in titanio indipendenti a formare un anello flessibile che avvolge lo sfintere circolarmente. La forza che i nuclei magnetici applicano gli uni sugli altri aumenta la capacità dello sfintere di resistere a pressioni di apertura dalla parte gastrica. Questi legami magnetici vengono interrotti facilmente all’arrivo di un bolo alimentare, consentendo il libero passaggio del bolo e la successiva chiusura dello sfintere. Questo dispositivo impiantabile per via laparoscopica è stato proposto come opzione per i pazienti che non hanno ricevuto i benefici attesi dalla terapia farmacologica e sono contrari alla soluzione chirurgica per via degli effetti collaterali ad essa associati. Il nuovo dispositivo mira a potenziare lo sfintere esofageo inferiore e viene impiantato tramite una procedura laparoscopica standard, in anestesia generale. Il dispositivo viene avvolto e fissato attorno allo sfintere, non comporta nessuna alterazione anatomica delle strutture circostanti e non richiede una dieta post-operatoria specifica

 

 

Stile di vita e rimedi casalinghi

I cambiamenti dello stile di vita possono aiutare a ridurre la frequenza degli episodi di reflusso acido.

Prova a:

-Mantenere un buon peso forma. Un peso eccessivo, produce una pressione sull'addome, spingendo lo stomaco e facendo ricadere l'acido nell' esofago.

-Smettere di fumare. Il fumo diminuisce la capacità dello sfintere esofageo inferiore di funzionare correttamente.

- Alzare la testa del letto. Se avverti regolarmente il bruciore di stomaco mentre cerchi di dormire, posiziona un rialzo sotto i piedi del letto (dalla parte della testa) in modo che la testa sia sollevata di circa 15-20 cm. Se non riesci a sollevare il letto, puoi inserire un cuneo o uno spessore (es. un grosso asciugamani) tra il materasso e rete in modo da sollevare il corpo dalla vita in su.

- Non sdraiarsi dopo un pasto. Attendi almeno tre ore dopo aver mangiato prima di coricarti o andare a letto.

- Mangiare lentamente e masticare bene. Metti giù la forchetta dopo ogni morso e riprendila dopo aver masticato e inghiottito quel morso.

- Evitare cibi e bevande che scatenano il reflusso.

Gli alimenti scatenanti comuni includono cibi grassi o fritti, salsa di pomodoro, alcol, cioccolato, menta, aglio, cipolla e caffeina.

- Evitare indumenti attillati. Gli abiti che si adattano strettamente alla vita creano pressione sull'addome e sullo sfintere esofageo inferiore.

 

Alimentazione

I cambiamenti nella dieta e nello stile di vita possono fare molto per trattare molti casi di GERD. Un articolo pubblicato nel Gastroenterology Research and Practice Journal ha trovato una connessione tra esofagite da reflusso e dieta. Gli alimenti che potrebbero peggiorare i sintomi della MRGE includono: - - Carne, che tende ad essere ricca di colesterolo e acidi grassi

Oli e cibi ricchi di grassi, che possono causare il rilassamento dello sfintere esofageo

Sale in quantità elevate

Alimenti ricchi di calcio, come latte, carne e formaggio, probabilmente perché sono anche ricchi di grassi saturi

Latte: Uno studio pubblicato su Gut e Liver ha esaminato la relazione tra allergie al latte vaccino e sintomi di GERD nei bambini. I ricercatori hanno scoperto che i bambini con allergie al latte di mucca hanno maggiore probabilità di sperimentare sintomi di GERD quando lo bevono. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare se questo è anche il caso per gli adulti. Se una persona avverte regolarmente sintomi di GERD dopo aver mangiato prodotti caseari a base di latte vaccino, può essere una buona idea non abbusarne nella propria dieta.

Colesterolo: Un altro studio, pubblicato in Alaskacology and Therapeutics, ha esplorato la relazione tra colesterolo e GERD. I risultati hanno indicato che le persone che hanno consumato più colesterolo, acidi grassi saturi e più calorie da grassi hanno avuto più sintomi di GERD.

Gli alimenti che possono causare l'infiammazione da GERD includono:

Cioccolato

Menta 

Bevande gassate

Bevande acide come succo d'arancia e caffè

Alimenti acidi come la salsa di pomodoro

Sebbene ci siano poche evidenze cliniche che questi alimenti siano legati alla GERD, le esperienze di alcune persone con questa condizione suggeriscono che questi alimenti potrebbero peggiorare i sintomi e, pertanto, dovrebbero essere evitati. Tuttavia, si tratta di trigger condizionali e potrebbero non essere applicabili a tutti.

 

Alimenti che possono aiutare i sintomi di GERD

Fino a poco tempo fa, GERD non era molto ben compreso. C'era poca evidenza clinica per suggerire che cambiare la dieta potesse cambiare i sintomi. Uno studio del 2013 su oltre 500 persone ha rilevato che alcuni alimenti sembrano ridurre l'incidenza dei sintomi di GERD. Gli alimenti che possono ridurre i sintomi di GERD includono:

Proteine ​​da fonti a basso contenuto di colesterolo come tonno, salmone, anacardi, mandorle e lenticchie

Alcuni carboidrati, trovati in frutta naturale, verdura e alcuni cereali

La vitamina C, ad esempio nelle patate, può aiutare a ridurre i sintomi

Frutta come  mele, meloni, pesche

Le uova, nonostante il loro contenuto di colesterolo, sembrano ridurre i sintomi della GERD

La fibra nella dieta è stata collegata a un minor numero di sintomi da GERD. I ricercatori hanno notato che mentre le persone aumentano i livelli di fibre alimentari nella loro dieta, i sintomi di GERD diminuiscono.

 

La dieta trigger-food comporta l'eliminazione di cibi trigger comuni, come caffè e cioccolato, al fine di ridurre i sintomi. Questi metodi hanno scarso sostegno clinico e i risultati varianoda un soggetto all'altro. Una linea guida pubblicata dall'American College of Gastroenterology afferma che l'eliminazione degli alimenti trigger non è raccomandata nel trattamento della MRGE, poiché la connessione dietetica non è semplice. La linea guida suggerisce che, piuttosto che eliminare gli alimenti che scatenano i sintomi, l'obiettivo dovrebbe essere quello di guarire il sistema digestivo.

 

Per molti soggetti può essere utile ripristinare l'equilibrio della flora batterica nell'intestino. I cibi fermentati possono aiutare a raggiungere questo obiettivo. I batteri su questi alimenti sono noti come probiotici.

I probiotici aiutano a ridurre i problemi digestivi bilanciando il sistema digestivo nel suo complesso. Gli alimenti che contengono naturalmente probiotici includono: Yogurt kefir Crauti crudi, Kombucha, una bevanda fermentata al tè Ii cibi probiotici possono aiutare a combattere un ceppo batterico noto come H. pylori, che può essere collegato ai loro sintomi.

 

Medicina alternativa

Nessuna terapia di medicina alternativa è stata dimostrata essere efficace per il trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo. Alcune terapie complementari e alternative possono fornire sollievo, se combinate con le cure del vostro mediche. Parlate con il vostro medico per capire quali trattamenti alternativi per la MRGE potrebbero essere sicuri per voi.

Le opzioni potrebbero includere:

- Rimedi a base di erbe che tuttavia possono avere gravi effetti collaterali e possono interferire con i farmaci. Quindi è importante consultare il medico prima di iniziare qualsiasi rimedio a base di erbe.

- Tecniche di rilassamento. Le tecniche per calmare lo stress e l'ansia possono ridurre i segni e i sintomi della malattia da reflusso gastroesofageo come il rilassamento muscolare progressivo o le visualizzazione guidata. 

 

Fonti:

http://www.salute.gov.it/portale/temi/documenti/dispositiviMedici/C_17_pagineAree_1394_listaFile_itemName_14_file.pdf

- Ping Wu, Xiao-Hu Zhao, Zi-Sheng Ai, et al., “Dietary Intake and Risk for Reflux Esophagitis: A Case-Control Study,” Gastroenterology Research and Practice, vol. 2013, Article ID 691026, 9 pages, 2013. https://doi.org/10.1155/2013/691026.

- Culligan, E. P., Hill, C., & Sleator, R. D. (2009, November 23). Probiotics and gastrointestinal disease: Successes, problems and future prospects [Abstract]. Gut Pathogens, 1(19).

https://gutpathogens.biomedcentral.com/articles/10.1186/1757-4749-1-19

- Farahmand, F., Najafi, M., Ataee, P., Modarresi, V., Shahraki, T., & Rezaei, N. (2011, August 18).

Cow's milk allergy among children with gastroesophageal reflux disease. Gut and Liver, 5(3), 298-301. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3166669/

- Kaltenbach, T., Crockett, S., & Gerson, L. B. (2006, May 8). Are lifestyle measures effective in patients with gastroesophageal reflux disease? An evidence-based approach. Archives of Internal Medicine, 166, 963-971.

http://www.intramed.net/userfiles/files/medidas_posturales_en_erge.pdf

- Kandil, T. S., Mousa, A. A., El-Gendy, A. A., and Abbas, A. M. (2010, January 18). The potential therapeutic effect of melatonin in gastro-esophageal reflux disease. BMC Gastroenterology, 10(7).

https://bmcgastroenterol.biomedcentral.com/articles/10.1186/1471-230X-10-7

- Katz, P. O., Gerson, L. B., & Vela, M. F. (2013). Diagnosis and management of gastroesophageal reflux disease. American Journal of Gastroenterology, 108, 308–328.

http://gi.org/guideline/diagnosis-and-managemen-of-gastroesophageal-reflux-disease/

-Mayo Clinic Staff. (2015, March 4). Bile reflux: Alternative medicine.

http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/bile-reflux/basics/alternative-medicine/con-20025548

Mayo Clinic Staff. (2014, July 31). GERD: Treatment and drugs. Retrieved http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/gerd/basics/treatment/con-20025201

Shapiro, M., Green, C., Bautista, J. M., Dekel, R., Risner-Adler, S., Whitacre, R. R., … Fass, R. (2006, December 6). Assessment of dietary nutrients that influence perception of intra-oesophageal acid reflux events in patients with gastro-oesophageal reflux disease [Abstract]. Alimentary Pharmacology and Therapeutics, 25(1), 93-101.

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1365-2036.2006.03170.x/abstract

Wang. A., Mattek. N. C., Holub. J. L., Lieberman. D. A., & Eisen, G. M. (2009, March 3). Prevalence of complicated gastroesophageal reflux disease and barrett's esophagus among racial groups in a multicenter consortium. Digestive Diseases and Sciences, 54(5). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3856566/

Wu, P., Zhao, X-H., Ai, S-Z., Sun H-H., Chen, Y., Jiang, Y-X., … Xu, S-C. (2013). Dietary Intake and risk for reflux esophagitis: A case-control study [Abstract]. Gastroenterology Research and Practice. https://www.hindawi.com/journals/grp/2013/691026/

    Share on Facebook
    Share on Twitter
    Please reload

    Post in evidenza

    I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

    Please reload

    Post recenti

    August 13, 2018

    Please reload

    Archivio