Canta che ti passa!! Effetti neurofisiologici del canto.

August 29, 2017

 

L'espressione CANTA CHE TI PASSA!! è un invito a non  curarsi delle preoccupazioni e i timori con il canto. Pare che l'espressione sia stata incisa su una trincea da un soldato sconosciuto durante la Prima guerra mondiale: l'ufficiale e scrittore Piero Jahier la trascrisse come epigrafe di una raccolta di Canti del soldato (Milano, 1919).  Jahier parla del «buon consiglio che un fante compagno aveva graffiato nella parete della dolina: canta che ti passa».

In realtà la funzione terapeutica del canto è nota sin dall'antichità, e ha ispirato miti come quelli del cantore Orfeo.Ma anche Petrarca ne cita la funzione terapeutica (Canzoniere XXIII, 4): Perché cantando il duol si disacerba.

Cosa dice la scienza in merito?

 

 

L'esperienza quotidiana suggerisce che il canto è un'attività energizzante e rappresenta al tempo stesso un allenamento fisico. Un numero crescente di prove è stato fornito per sostenere le affermazioni aneddotiche sui benefici del canto sulla salute e il benessere. È stato dimostrato che il canto è legato a numerosi cambiamenti fisiologici. Il sistema cardio-respiratorio è utilizzato durante un allenamento canoro costante con conseguente miglioramento dei muscoli respiratori e un'ottimizzazione della modalità respiratoria. Inoltre, il canto può anche causare cambiamenti a livello dei neurotrasmettitori e negli ormoni, tra cui l'upregulation di ossitocina, immunoglobulina A e le endorfine, con miglioramenti nella funzione immunitaria e un aumento dei sentimenti di felicità.

  

Il canto è l'atto di produrre suoni musicali con la voce, un'attività le cui origini si perdono nell'antichità. Nei tempi moderni il canto è un'attività universale, pervade la vita quotidiana di individui provenienti da diversi ambiti culturali, demografici e politici. Ci sono diverse forme di canto, diverse espressioni come il canticchiare anche in solitudine, il canto di gruppo, il canto karaoke,e l'educazione al canto. C'è anche una grande varietà di stili di canto come il rock, il gospel, il country, musical, e il canto a cappella . Il canto di gruppo si trova in una vasta gamma di impostazioni, tra cui ospedali, luoghi di lavoro, comunità locali,  nelle prigioni, nonché in luoghi più tradizionali come chiese e sale da concerto. Il karaoke è ad esempio una delle attività extracurriculari più popolari tra i giovani asiatici, soprattutto in Cina e Giappone.

Sebbene l'attività canora, sia generalmente considerata un forma di intrattenimento piuttosto che un esercizio, essa è collegata a numerosi aspetti relativi alla salute e al benessere individuale. Già nel 1930, Rollrath scoprì che molti cantanti famosi avevano vissuto 80 o persino più di 100 anni, il che suggeriva che il canto potesse aumentare la longevità.

Secondo Atiwannapat P et al (2016) il canto, le attività musicali attive, hanno benefici maggiori, rispetto ad attività musicali passive (es. l'ascolto o giochi musicali).

Negli ultimi anni si è assistito ad un riconoscimento crescente del valore canto nel miglioramento della salute mentale e fisica, in ambito clinico e non .

Sono stati realizzati numerosi studi sugli effetti del canto sulle malattie polmonari, in particolare nella malattia polmonare ostruttiva cronica e nell'asma , nonché in altre patologie croniche, tra cui la malattia di Parkinson e la tetraplegia, in cui si apprezza una maggiore capacità vitale del polmone (LVC) ed un rafforzamento della muscolatura respiratoria. Inoltre, il canto avrebbe un impatto positivo sugli stati emotivi e sulla riconfigurazione della rete neurale, con un miglioramento di alcuni sintomi dei disturbi dell'umore, della demenza  e dell'afasia.

Una minore quantità di ricerche sono state condotte sulla popolazione sana o sul sistema neuroendocrino come potenziale meccanismo sottostante.

Considerata la crescente popolarità del canto, la ricerca scientifica dovrebbe porre maggiore attenzione ai suoi benefici e meccanismi. Molta della letteratura disponibile, si concentra sulla fattibilità e sulla praticità del canto come terapia aggiuntiva per i pazienti piuttosto che considerarlo un esercizio gratificante per il benessere generale. Ma quali sono i benefici biologici e neurochimici del canto? Quali i cambiamenti nel sistema respiratorio, circolatorio ed endocrino? Quali sono le modifiche di tipo neurochimico?

 

MODIFICHE RESPIRATORIE 

 

 

 

 


I cambiamenti respiratori sono tra i più evidenti e percepibili associati al canto. L'aria espirata dai polmoni è la sorgente aerea necessaria per l'articolazione e il canto. Livelli di pressione aerea costante mettono in vibrazione le corde vocali, mentre gli organi di articolazione e di risonanza compiono degli aggiustamenti che determinano le differenze timbriche. Nel canto, l'uso ripetuto degli organi e delle strutture circostanti non solo possono coordinare i sottosistemi ma anche esercitare i muscoli respiratori, portando ad una migliore funzionalità polmonare. I cantanti professionisti con pattern canoro corretto e adeguato, hanno una "riserva respiratoria" migliorata ovvero, possono regolare la loro modalità respiratoria per trasferire in modo più efficiente l'energia cinetica in energia sonora.

  
Ciò crea una migliore tolleranza agli effetti delle patologie vocali. Gould e Okamura non trovarono alcuna differenza significativa nella capacità polmonare totale  (TLC) tra cantanti professionisti, studenti di musica vocale e persone non allenate, mentre il rapporto tra il volume polmonare residuo e la capacità polmonare totale (RV / TLC) dei cantanti professionisti era notevolmente inferiore a quello degli altri due gruppi, e i valori RV / TLC degli studenti di musica vocale erano anche inferiori a quelli del gruppo non addestrato.

 

 I risultati suggeriscono che il canto può aiutare le persone sane a sfruttare appieno la stessa quantità di funzione polmonare, indicando una migliore efficienza respiratoria, che aumentata con il tempo di formazione del canto. Carroll ed al hanno confrontato il volume espiratorio forzato in 1 secondo (FEV1), la capacità vitale forzata (FVC) e il flusso espiratorio forzato di 40 cantanti professionisti con i valori standard di una popolazione sana. I risultati medi dei cantanti professionisti erano superiori ai valori standard.

Irzaldy et al ha effettuato misurazioni polmonari in 10 membri di un coro  e 10 studenti ordinari. Differenze significative sono state riscontrate in LVC e FVC (P = 0,02, P = 0,01 rispettivamente), mentre nessuna differenza significativa è stata riscontrata nel volume di ispirazione, suggerendo che la promozione degli indicatori rilevanti è stata strettamente correlata alla fase espiratoria. Ksinopoulou et al ha condotto uno studio controllato randomizzato in cui sono stati inseriti 58 cantanti professionisti e 22 musicisti di strumeni a fiato, nel gruppo sperimentale (45 maschi e 35 femmine) e 80 soggetti sani sono stati reclutati come gruppi di controllo. Ci sono state differenze significative in FVC, FEV1 e nel picco di flusso espiratorio (PEFR) tra i due gruppi (P <0.01, P <0.01, P = 0.001), mentre una differenza significativa nel rapporto FEV1 / FVC è stata trovata tra le partecipanti femminili (P = 0.001). Tuttavia, SchorrLesnick ed altri hanno confrontato 34 cantanti e 48 musicisti di strumetni a fiato, con un gruppo di controllo di 31 percussionisti. Non c'era alcuna differenza significativa tra i due gruppi, nel  FVC, flusso espiratorio forzato medio,nel valore FEV1 / FVC, massima pressione espiratoria o massima pressione inspiratoria. 

 

 

CAMBIAMENTI CIRCOLATORI


Insieme con i cambiamenti respiratori, il sistema circolatorio può variare a seconda della aritmia sinusale respiratoria (RSA). L' RSA è un fenomeno fisiologico speciale in cui l'espirazione può aumentare l'attività del nervo vago (nervo parasimpatico), che si traduce in un aumento del ciclo P-P e viceversa. 

 

 

 

 

 

 

 

 


L' RSA può effettivamente accelerare lo scambio del gas polmonare attraverso la combinazione di ventilazione alveolare e la perfusione capillare e risparmiare l'energia del sistema cardiorespiratorio sopprimendo il battito cardiaco in eccesso e la ventilazione inefficace durante l'espirazione. Grape et al, hanno considerato che il canto può ripetutamente formare sinergie tra il sistema respiratorio e il sistema circolatorio.

 Così, la RSA può essere la ragione per cui la canto induca variabilità nella frequenza cardiaca (HRV), la variabilità tra gli intervalli R-R in battiti cardiaci successivi. Un HRV ridotto non è solo un fattore di rischio indipendente per attacco cardiaco improvviso e aritmia, ma è anche correlato a disturbi psichiatrici quali la depressione e l'ansia. L'HRV di 15 studenti è stato rilevato dopo l'esecuzione di diversi tipi di canto (humming, mantra, inni) I risultati suggeriscono che il canto aumenta HRV e quando la struttura musicale è regolare, i profili HRV tendono a conformarsi in termini di frequenza e fase. Grape et al, ha scoperto che i cantanti professionisti hanno registrato cambiamenti HRV più significativi rispetto ai dilettanti durante il canto. Grape et al, ha scoperto che i cantanti professionisti hanno registrato cambiamenti HRV più significativi rispetto ai dilettanti durante il canto.D'altro canto, Niu ed altri hanno segnalato il caso di una donna di 76 anni con ipertensione cronica che ha sperimentato un grave innalzamento della pressione sanguigna prima della chirurgia di protesi al ginocchio e non rispondeva a farmaci antipertensivi (pressione sanguigna sistolica intorno ai 200 mmHg) . In questo caso, la pressione sanguigna si è ridotta drasticamente sotto i 180 mmHg sistolici dopo aver cantato diverse canzoni religiose. Le misurazioni della pressione sanguigna sono state effettuate in 91 strumentisti e 51 cantanti professionisti di Eller et al. È stato scoperto che la pressione media dei cantanti professionisti era notevolmente inferiore a quella dei musicisti. Valentine e Evans hanno evidenziato la diminuzione della pressione sistolica del sangue e l'aumento della pressione arteriosa diastolica dopo le rispettive attività di gruppo in tutti i gruppi di canto (dieci major musicali e 13 cori amatoriali) e le modifiche nelle due tipologie di canto non erano significativamente diverse tra loro. Due gruppi di cantanti (n = 12, 13) e un gruppo di non cantanti (n = 12) hanno prodotto l'inno nazionale parlando, cantando le parole e suonando la melodia in uno studio di Formby et al.nessuna differenza significativa è stata trovata nel flusso sanguigno cerebrale tra questi gruppi durante la conversazione o il canto.

 


VARIAZIONI NEUROPEPTIDICHE ED ORMONALI

 

 

 

 

 


Oltre ai cambiamenti nel sistema cardiovascolare, il canto ha dimostrato di aiutare le persone nel ridurre l'ansia, portare l'allegria e creare un senso di appartenenza. Ad esempio, uno studio di 210 adulti è stato condotto in un periodo di 18 mesi, in cui 108 membri sono stati reclutati nel gruppo di canto per partecipare a lezioni di canto di gruppo, mentre i restanti membri sono stati reclutati come gruppo di controllo. I risultati hanno rivelato una significativa riduzione della percentuale di adulti classificati come depressi,  nel gruppo di canto,  e un concomitante aumento significativo dei livelli di resilienza, qualità della vita, senso di connettività e sostegno sociale tra questo gruppo.

Non ci sono stati cambiamenti significativi per queste variabili nel gruppo di controllo. Molti studiosi hanno notato questo fenomeno e hanno cercato di esplorare il meccanismo dietro la chimica neurale, ma alcuni studi hanno avuto opposte tendenze di variazione in questi neuropeptidi e ormoni. Gli ormoni adrenocorticotropi (ACTHs) e glucocorticoidi sono entrambi componenti importanti dell'asse ipotalamico pituitario surrenale (asse HPA) e sono ormoni essenziali per mantenere un individuo eccitato e risvegliato. L'aumento dell'attività HPA in risposta alle situazioni stressanti fa parte della risposta lotta-fuga e porta ad una inibizione della risposta immunitaria, , ad un restringimento arterioso, ad un aumento dell' epinefrina, con conseguente aumento della pressione sanguigna.

 

Fancourt ed altri hanno esaminato l'impatto del canto in una situazione di prestazioni a bassi livelli di stress (prova senza pubblico) e un concerto dal vivo (performance davanti a 610 membri del pubblico) sui livelli di glucocorticoidi (cortisolo e cortisone) in 15 cantanti professionisti . 

I risultati hanno mostrato una significativa diminuzione sia del cortisolo che del cortisone nelle condizioni con bassi livelli di stress, suggerendo che il canto in sé era un'attività che riduce lo stress (e possibilmente migliori la salute), mentre ci sono stati aumenti significativi in ​​tutte le condizioni ad alto livello di stress. 

Astudy by Beck ed al. sono giunti ad una simile conclusione. Quattro cantanti di jazz furono campionati per cantare insieme in due spettacoli distinti, uno condotto con o spartito stampato, l'altro di improvvisazione, nella ricerca effettuata da Keeler et al. Anche se le concentrazioni di ACTH sono diminuite in entrambe le condizioni, solo il gruppo con lo spartito prestampato,, ha avuto una differenza statisticamente significativa.

Uno studio di Grape et al, che comprendeva otto dilettanti e otto professionisti durante una lezione di canto, ha esplorato i possibili effetti benefici del canto sul benessere. I risultati hanno mostrato che il cortisolo aumenta dopo la lezione di canto, con un aumento, nei professionisti, della concentrazione sierica del fattore di necrosi tumorale α (TNF-α) dopo la lezione di canto.

Kreutz ed altri hanno confrontato gli effetti del coro su cortisolo in 31 cori amatoriali tra due condizioni, vale a dire canto vs l'ascolto della musica corale. L'ascolto della musica ha portato ad una significativa riduzione del cortisolo (P <0,001) e i partecipanti hanno riferito un aumento dello stato d'animo negativo nella stessa condizione, che ha indicato che gli ascoltatori di musica potrebbero ritenersi inattivi o addirittura annoiarsi. Inoltre, la concentrazione di cortisolo è rimasta stabile durante il canto. In un altro studio di Kreutz, non è stata rilevata alcuna differenza statisticamente significativa nei livelli di cortisolo tra il gruppo di canto (n = 24) e il gruppo  chiacchierone (n = 25).

 

Fancourt et al ha effettuato uno studio preliminare multicentrico per individuare l'impatto del canto di gruppo sullo stress e sulla risposta immunitaria in tre popolazioni familiari di malati di cancro (n = 72), familiari di persone che avevano subito un lutto (n = 66) e pazienti (n = 55), evidenziando una diminuzione del cortisolo (P <0,001) a fianco di significativi incrementi di attività citochine e recettori (GM-CSF, IL17, IL2, IL4, sIL-2rα, TNF-α, P <0,01) nei cinque centri e in tutti i gruppi. L'autore riteneva che la riduzione del cortisolo dopo il canto riduce la soppressione del sistema immunitario del glucocorticoide, portando ad un'attivazione generale della rete di citochine e dell'attività immunitaria. Diverse variabili, tra cui numerosi tipi di interventi, partecipanti e generi, influenzano le conseguenze delle diverse ricerche, che possono essere parte del motivo per cui questi studi non sono riusciti a raggiungere un consenso. La ricerca ha ripetutamente implicato il neuropeptide oxytocin (OT) come uno degli ormoni chiave coinvolti in una serie di comportamenti sociali e affiliativi. L' OT è stato trovato per aumentare la fiducia, 51 ridurre il comportamento negativo, 52,53 diminuire l'attivazione dell'amigdala a volti terroristi, 54 , 55 e aumentare la teoria delle abilità mentali, 56 che indica un potenziale coinvolgimento diretto di OT nei processi di legame sociale e di vicinanza interpersonale.

L'OT è stato trovato per aumentare la fiducia, ridurre il comportamento negativo, diminuire l'attivazione degli amigdala e aumentare la teoria delle abilità mentali, indicando un potenziale coinvolgimento diretto di OT nei processi di socializzazione  e di vicinanza interpersonale. I risultati dello studio di Keeler ed altri hanno mostrato che la concentrazione di OT in quattro cantanti è aumentata dopo il canto improvvisato, suggerendo che i migliori legami sociali conducano alla crescita in OT. Al contrario, non sono stati riscontrati cambiamenti nella concentrazione di OT durante una prestazione non improvvisata.

Le concentrazioni di OT sono aumentate in modo significativo sia in cantanti dilettanti sia in quelli professionali dopo la lezione di canto nello studio di Grape et al. Kreutz e al hanno trovato una notevole tendenza al rialzo in un gruppo di canto rispetto ad un gruppo di chiacchierata con una differenza significativa (P <0.01).

 Kreutz ed altri hanno rilevato una tendenza ascendente notevole in un gruppo di canto rispetto ad un gruppo di chiacchierata con una differenza significativa (P <0.01), indicando che il canto aumenta il benessere individuale psicologico e induce una risposta sociobiologica di legame. Tuttavia, l'OT è sceso dopo un'ora di canto di gruppo in tutti i partecipanti nello studio di Fancourt et al (P <0,001).

L'immunoglobulina A secretoria (S-IgA), un tipo di anticorpo di prima linea per proteggere dalle infezioni batteriche e virali nella via aerea superiore, è considerato un indicatore clinico della capacità immunitaria individuale. È stato trovato che le persone tendono a rimanere positive e rilassate con l'upregulation di S-IgA mentre si sentiva stressante e nervoso con il downregulation.58 Kreutz et al trovato che S-IgA aumentato dopo la formazione di canto e classe di ascolto, con solo una differenza significativa nella formazione di canto (P <0,005). 48 Kuhn ha assegnato in modo casuale 33 partecipanti (28 donne e 5 uomini) ad uno di tre gruppi: un gruppo di canto e strumentario, un gruppo di ascolto e un gruppo di controllo (riposo o seduto tranquillamente). 59 Secretory Immunoglobulin A (S-IgA ) I livelli del gruppo di canto e strumentalismo mostravano un aumento significativamente maggiore degli altri,
Suggerendo che la partecipazione attiva all'attività musicale produce un effetto maggiore sul sistema immunitario rispetto alla partecipazione passiva. Beck ed altri hanno esaminato la concentrazione di S-IgA durante una prova iniziale (n = 31), una prova ritardata (n = 34) e una prestazione pubblica (n = 32) .46 Come misura della risposta del sistema immunitario, i livelli medi di S -IgA è aumentato in modo significativo, 150% durante le prove e 240% durante le prestazioni. Beck et al raccoglievano campioni di saliva di 10 membri di un gruppo corale dopo una seduta di 10 settimane di canto e condussero i test di laboratorio di S-IgA. La concentrazione di S-IgA è aumentata sia nelle prove sia nelle prestazioni, ma sono stati riscontrati solo significativi cambiamenti al rialzo dopo una prestazione formale (P = 0.012).

È stato trovato che le persone tendono a rimanere positive e rilassate con l'upregulation di S-IgA, mentre si sentono stressante e nervose con la  downregulation.

Kreutz ed altri hanno rilevato che la S-IgA è aumentata dopo la lezione di canto e l'ascolto, con una differenza significativa nella lezione di canto (P <0,005).

Kuhn ha assegnato a caso 33 partecipanti (28 donne e 5 uomini) a uno dei tre gruppi: un gruppo di canto e suonatori di strumenti, un gruppo di ascolto e un gruppo di controllo (a riposo o seduto tranquillamente).

I livelli di S-IgA del primo gruppo (canto+ strumento)  e hanno mostrato un aumento significativamente maggiore rispetto agli altri, suggerendo che la partecipazione attiva all'attività musicale produce un effetto maggiore sul sistema immunitario rispetto alla partecipazione passiva.

Beck ed altri hanno esaminato la concentrazione di S-IgA durante una prova iniziale (n = 31), una prova ritardata (n = 34) e una prestazione pubblica (n = 32) . I livelli medi di S -IgA sono aumentati in modo significativo, del 150% durante le prove e 240% durante le prestazioni.  Beck et al hanno raccolto campioni di saliva di 10 membri di un gruppo corale dopo una seduta di 10 settimane di canto e hanno effettuato dei test di laboratorio dull'S-IgA. La concentrazione di S-IgA è aumentata sia nelle prove sia nelle prestazioni, ma sono stati riscontrati significativi cambiamenti solo  dopo una prestazione formale (P = 0.012).

La beta-endorfina è un peptide oppiaceo che viene prodotto dalla scissione di pro-opiomelanocortina, insieme con ACTH e altri derivati. È meglio conosciuto per i suoi effetti analgesici, euforici e sedativi, incluse molte forme di comportamento / sintomi quali ansia, controllo di rabbia e aggressività, depressione e tossicodipendenza.

Weinstein e al. hanno reclutato degli individui da un coro, i cui membri si sono incontrati sia nei contesti di gruppo di piccole dimensioni (n = 20-80) che in grandi (n = 232 ). I risultati hanno mostrato che le misure di rilascio di endorfina sono aumentate durante le prove di canto in entrambi i gruppi con una differenza significativa (P <0,001). 

 

Tuttavia, l'applicazione terapeutica del canto sembra essere efficace nella riduzione deiproblemi comportamentali e psicologici. La formazione in canto utilizza attivamente i muscoli respiratori per garantire una pressione adeguata per avviare e mantenere vibrazioni delle corde vocali  in base ad un meccanismo di coordinazione ritmica con la respirazione.  Il miglioramento nella forza e nel controllo della muscolatura  così come la coordinazione con la modalità respiratoria, possono effettivamente migliorare l'efficienza delle risposte respiratorie e circolatorie e coordinare la funzione cardiopolmonare, con conseguente aumento della capacità vitale, FVC, FEV1, PEFR e HRV.

Inoltre, il canto migliora efficacemente la vitalità delle reti neurali, tra cui
OT, S-IgA e le endorfine, sia i legami sociali sia il canto stesso,  aumentano il senso di appartenenza sociale, la funzione immunitaria del corpo, la felicità personale e l'euforia. Il cantare non è solo l'esercizio della funzione corporea ma anche un modo di auto-espressione, che porta ad un impatto personale e sociale positivo. Per questo motivo, il canto non è solo il privilegio dei cantanti professionisti, ma deve essere universale al pubblico. 

 

Tratto da " A Review of the Physiological Effects and Mechanisms of Singing" King j. et al , J. Voice 2017

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

August 13, 2018

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
Roberta La Vela 
LOGOPEDISTA
robertalavela@gmail.com
+393397415043
PI08899900966
  • Whatsapp Roberta La Vela
  • Black Icon LinkedIn
  • Instagram Roberta La Vela
  • Nero Facebook Icon
  • Black Icon Google+
  • Twitter Roberta La Vela
  • Skype