Vizi orali

August 13, 2018

 

L'American Academy of Pediatric Dentistry (AAPD) riconosce che il benessere di un bambino o dell'adolescente può essere influenzato dalle abitudini orali e incoraggia i professionisti della salute ad adottare un approccio individualizzato nella gestione di queste abitudini.

Le abitudini orali includono:

  • la suzione del dito, del ciuccio o del labbro

  • mordere il labbro, le unghie, le penne e le matite

  • il bruxismo,

  • abitudini autolesionistiche,

  • respirazione orale

  • spinta linguale                                                                                                                                                                        

  • I comportamenti di suzione non nutritivi (ad es., Succhiarsi le dita o il ciuccio) sono considerati normali nei neonati e nei bambini piccoli e solitamente sono associati al loro bisogno di soddisfare l'esigenza di contatto e sicurezza. Siccome il persistere dell' abitudine di suzione non nutritiva è causa di problemi a lungo termine, si raccomanda una valutazione professionale per i bambini oltre i 3 anni di età, con conseguente intervento di rimozione dell'abitudine avviata, se indicato.                                                         

  • Il bruxismo, definito come il contatto abituale non funzionale tra le superfici occlusali dei denti, può verificarsi mentre si è svegli o addormentati. L'eziologia è multifattoriale ed include fattori centrali (ad esempio, stress emotivo, parassonnie, lesioni cerebrali traumatiche, disabilità neurologiche) e fattori morfologici (ad esempio, malocclusione, reclutamento muscolare). Le complicanze riportate includono logoramento dentale, mal di testa, disfunzione articolazione temporomandibolare e indolenzimento dei muscoli masticatori. Prove preliminari suggeriscono che il bruxismo giovanile è una condizione auto-limitante che non progredisce nel bruxismo degli adulti. Lo spettro della gestione del bruxismo va dall'educazione del paziente e dei genitori, agli splint occlusali e alle tecniche psicologiche fino ai farmaci.                                                                                                                                                                       

  • La spinta della lingua, la posizione anormale della lingua, la deviazione dal normale schema di deglutizione e respirazione dalla bocca possono essere associati a morso aperto anteriore, alterazioni dell'articolazione del linguaggio  e protrusione anteriore degli incisivi mascellari. La gestione può consistere nel semplice controllo delle abitudini, terapia miofunzionale, ortodonzia e possibili interventi chirurgici.                                                                                                                                                          

  • Il comportamento autolesionistico o auto-mutilante, gli atti ripetitivi che provocano danni fisici all'individuo, sono estremamente rari nel bambino. Tuttavia, tale comportamento è stato associato a ritardo mentale, disturbi psichiatrici, disabilità dello sviluppo e alcune sindromi. Lo spettro delle opzioni di trattamento per le persone con disabilità evolutive comprende la gestione farmacologica, strategie comportamentali e il contenimento fisico. Il trattamento dentale include il lip-bumper e bite occlusali, e possibili estrazioni.

Alcune abitudini, come la suzione delle labbra e il mordicchiamento delle labbra, sono abitudini relativamente benigne in relazione a un effetto sulla dentizione. Le forme più severe di abitudini di morderso delle labbra e della lingua possono essere associate a una profonda neurodisabilità a causa di gravi danni cerebrali.

Opzioni di trattamento includono il monitoraggio della lesione, l'odontoplastica, l'erogazione di un dispositivo di apertura del morso o l'estrazione dei denti.

Le abitudini orali sono associate in alcuni pazienti a deformazione dento-alveolare e / o scheletrica. La quantità di deformazione dento-alveolo-scheletrica  è correlata alla richiesta, alla durata, alla direzione e all'intensità di certe abitudini e dovrebbe essere valutata dal dentista I cambiamenti che possono verificarsi alle strutture dento-alveolari possono includere morso aperto anteriore o posteriore, interferenza sulla posizione e sull'eruzione dei denti, alterazione della crescita ossea e morsi crociati. Il dentista e il logopedista  possono fornire al paziente e al genitore informazioni sulle conseguenze di un'abitudine. Le modalità di trattamento per controllare le abitudini possono includere: conseling rivolto al paziente e al genitore, tecniche comportamentali, terapia miofunzionale e terapia ortodontica.

 

Riferimento:

AMERICAN ACADEMY OF PEDIATRIC DENTISTRY  "ORAL HEALTH POLICIES"

REFERENCE MANUAL V 30 / NO 7 08 / 09

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

August 13, 2018

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
Roberta La Vela 
LOGOPEDISTA
robertalavela@gmail.com
+393397415043
PI08899900966
  • Whatsapp Roberta La Vela
  • Black Icon LinkedIn
  • Instagram Roberta La Vela
  • Nero Facebook Icon
  • Black Icon Google+
  • Twitter Roberta La Vela
  • Skype